Saldi, offerte abiti Outlet

abbigliamentoonline.biz

Calcola il tuo peso forma

Linfonodi: cosa sono?

Denti bianchi? Ecco come

Rimedi brufoli

Rimedi colite

Rimedi gastrite

Uveite: cosa è?

Demenza senile

Mal di gola: come guarire

Il morbillo

Rimedi periartrite

Rimedi stitichezza

Unghie gel: i segreti

Contorno occhi

Amenorrea: come si cura

Caduta dei capelli a chiazze: i rimedi più efficaci

 

Normalmente, quando si perdono capelli, la perdita si distribuisce su tutta la superficie del cuoio capelluto e diventa evidente solo dal momento in cui si ha una perdita davvero importante ed in un lasso di tempo relativamente breve.

 

Altra questione è quando la caduta dei capelli sembra concentrarsi decisamente su una o più zone circoscritte del cuoio capelluto: in questi casi, infatti, si parla di caduta dei capelli a chiazze, meglio nota come alopecia areata.

 

 

Cause della perdita dei capelli a chiazze

alopecia-areata

Quando si perdono i capelli a chiazze i globuli bianchi attaccano le cellule dei follicoli piliferi, causandone il restringimento e rallentando drasticamente la produzione di capelli. Non si sa esattamente cosa faccia sì che il sistema immunitario del corpo prenda di mira i follicoli piliferi in questo modo.

Mentre gli scienziati non sono sicuri del perché questi cambiamenti si verifichino, sembra che la genetica sia coinvolta in quanto l'alopecia areata è più probabile che si verifichi in una persona che ha un familiare stretto con la stessa malattia. Una persona su cinque che soffre di alopecia areata ha un membro della famiglia che ha anche sviluppato tale malattia.

Altre ricerche hanno scoperto che molte persone con una storia familiare di alopecia areata hanno anche una storia personale o familiare di altri disturbi autoimmuni, come l'atopia, un disturbo caratterizzato da una tendenza ad essere iperallergici, la tiroidite e la vitiligine.

Nonostante ciò che molte persone pensano, ci sono pochissime prove scientifiche a sostegno dell'opinione che l'alopecia areata sia causata dallo stress. Casi estremi di stress potrebbero potenzialmente scatenare la condizione, ma la ricerca più recente punta verso una causa genetica.

 

 

Sintomi della perdita dei capelli a chiazze

caduta-dei-capelli-a-chiazze-sintomi-cause

Il sintomo più evidente dell'alopecia areata è la perdita di capelli a chiazze. Chiazze di capelli grandi come monete iniziano a cadere, principalmente dal cuoio capelluto. Ma qualsiasi sito di crescita dei capelli può essere colpito, compresa la barba e le ciglia.

La perdita di capelli può essere improvvisa, sviluppandosi in pochi giorni o in un periodo di qualche settimana. Ci può essere prurito o bruciore nella zona prima della perdita dei capelli. I follicoli piliferi non vengono distrutti e quindi i capelli possono ricrescere se l'infiammazione dei follicoli si placa.

Le persone che sperimentano solo poche chiazze vuote spesso hanno un recupero spontaneo e completo senza alcuna forma di trattamento. Circa il 30% degli individui che sviluppano l'alopecia areata scoprono che la loro condizione diventa più estesa o diventa un ciclo continuo di perdita e ricrescita dei capelli. Circa la metà dei pazienti guarisce dall'alopecia areata entro 1 anno. Circa il 10% delle persone svilupperà l'alopecia totalis o l'alopecia universalis.

L'alopecia areata può colpire anche le unghie delle mani e dei piedi, e a volte questi cambiamenti sono il primo segno che tale condizione si sta sviluppando.

 

L'alopecia colpisce ugualmente sia gli uomini che le donne. Ci sono una serie di piccoli cambiamenti che possono verificarsi alle unghie:

  • appaiono ammaccature a punta di spillo

  • compaiono macchie e linee bianche

  • le unghie diventano ruvide

  • le unghie perdono la loro lucentezza

  • le unghie diventano sottili e spaccate

 

Altri segni clinici includono:

  • Peli a punto esclamativo: Questo si verifica quando pochi capelli corti che diventano più stretti nella loro parte inferiore e crescono in o intorno ai bordi dei punti calvi;

  • Peli di cadavere: Questo è dove i peli si rompono prima di raggiungere la superficie della pelle;

  • Peli bianchi: Questo può crescere in aree colpite da perdita di capelli.

 

 

Diagnosi

I medici sono solitamente in grado di diagnosticare l'alopecia areata abbastanza facilmente esaminando i sintomi. Potrebbero guardare il grado di perdita dei capelli ed esaminare i capelli delle aree colpite al microscopio.

Se, dopo un primo esame clinico, il medico non è in grado di fare una diagnosi, può eseguire una biopsia della pelle. Se hanno bisogno di escludere altre malattie autoimmuni, possono eseguire un esame del sangue. Poiché i sintomi dell'alopecia areata sono molto caratteristici, fare una diagnosi è di solito veloce e semplice.

 

Trattamenti per la caduta dei capelli a chiazze

caduta-dei-capelli-a-chiazze-rimedi

La forma più comune di trattamento dell'alopecia areata è l'uso di corticosteroidi, potenti farmaci antinfiammatori che possono sopprimere il sistema immunitario. Questi sono per lo più comunemente somministrati attraverso iniezioni locali, applicazione topica di unguenti, o per via orale. Altri farmaci che possono essere prescritti che promuovono la crescita dei capelli o influenzano il sistema immunitario includono Minoxidil e Anthralin.

Anche se alcuni di questi possono aiutare la ricrescita dei capelli, non possono prevenire la formazione di nuove chiazze calve. L'uso della fotochemioterapia è supportato da alcuni studi e rappresenta una potenziale alternativa per i pazienti che non possono o non vogliono utilizzare terapie sistemiche o invasive.

Diversi sono i prodotti naturali per la crescita dei capelli che possono fare la differenza. Ad esempio, i prodotti per la ricrescita dei capelli di Sempre in Salute: i prodotti migliori sono Foltina Plus, Infultus, Folisin e Follixin e Profolan. Non dimentichiamo che oltre al loro aspetto estetico, i capelli offrono una vera e propria protezione contro gli agenti esterni.

 

 

Le persone che perdono capelli a chiazze e che quindi hanno una parte di cuoio capelluto completamente esposta possono:

  • Indossare una protezione solare se esposti al sole;

  • Usare copricapi come cappelli, parrucche e sciarpe per proteggere la testa dal sole o tenerla calda.

 

L'alopecia areata non è contagiosa. Può però tuttavia essere difficile da affrontare emotivamente. Per molte persone, perdere i capelli a chiazze è qualcosa di traumatico che richiede un trattamento che affronti l'aspetto emotivo.

L'alopecia areata è stata paragonata da alcuni alla vitiligine, una malattia della pelle autoimmune in cui il corpo attacca le cellule che producono melanina, portando alla formazione di macchie bianche su tutta la superficie del corpo.

La ricerca suggerisce che queste due condizioni possono condividere una patogenesi simile, con tipi simili di cellule immunitarie e citochine che guidano le malattie e fattori di rischio genetici comuni. Come tale, qualsiasi nuovo sviluppo nel trattamento o nella prevenzione di una delle due malattie può avere conseguenze per l'altra.

 

Rimedi naturali contro l'alopecia areata

I trattamenti convenzionali per l'alopecia sono estremamente limitati e lo sono purtroppo ancora di più gli studi che sostengono i trattamenti naturali per questa tipologia di disturbo.

Ci sono però alcuni rimedi naturali interessanti da poter mettere in atto: in molti raccomandano di strofinare sul cuoio capelluto succo di cipolla o aglio, tè verde, olio di mandorle, olio di rosmarino, miele o latte di cocco.

Alcuni si rivolgono a metodi di trattamento alternativi come l'agopuntura e l'aromaterapia, anche se ci sono poche, se non nessuna, prove a sostegno di questi trattamenti.

 

 

Curiosità sull'alopecia areata

Una persona su cinque che sperimenta la caduta dei capelli a chiazze ha anche un membro della famiglia che soffre dello stesso problema.

L'alopecia areata spesso si sviluppa improvvisamente, ed è visibile in pochi giorni.

Ci sono poche prove scientifiche che l'alopecia areata sia causata dallo stress.

Le persone con alopecia areata che hanno solo poche chiazze vuote spesso vedono un recupero spontaneo e completo del problema, senza che sia necessario intervenire con un trattamento.